auto storiche cantù


Vai ai contenuti

Menu principale:


Fiat 128 Rally

Storia e Restauri

"La macchina dello zio"

Inizia così la storia che ci narra la nostra Socia Maria, fiera proprietaria di questo autentico pezzo da museo.

Nel 1974 lo zio Vincenzo acquista la vettura, nuova , bella con quel rosso fiammante che fa girare le persone in quel di Giussano per il colore ma soprattutto per quel "rombo" .

E' il carburatore a doppio corpo che la fa sembrare "più grande" , è una 1.300 ma quando si schiaccia sul pedale destro i centimetri cubici sembrano molti ma molti di più.

Si usa la macchina solo se c'è il sole, se piove la macchina non esce dal suo "guscio" e rimane ben all'asciutto nel garage.

Lunghi viaggi da nord a sud, dalla Valle d'Aosta alla Campania e ancora più giù, di strada ne ha percorsa tanta.

Una manutenzione attenta e scrupolosa favorisce una vita longeva a carrozzeria e a tutti gli organi meccanici.

Il tempo passa e zio Vincenzo si rende conto che le nuove vettura dotate di servosterzo, vetri elettrici e ABS sono più comode e meno stancanti per un "pilota" che ormai ha tante primavere.

E' così che, invece di rottamare un pezzo di storia, chiama la cara nipote Maria e, sapendo della passione per le auto d'epoca, le propone di continuare l'opera di custodia e conservazione della 128.

Maria è entusiasta, nel 2004 la macchina è nel suo garage.

Nel 2004 il primo raduno con le AutoStoricheCantù, una bellissima esperienza, poi - sempre con il club canturino ci sono le partecipazioni alle manifestazioni "6 Ruote di Speranza" dove sulla pista di Monza si portano a bordo ragazzi speciali che affrontano con coraggio le difficoltà che la vita li porta ad affrontare quotidianamente.

Maria guida la sua vettura non appena ne ha l'occasione, raramente cede il volante al marito, le prestazioni sono modeste, si guida per il piacere di guidare attraversando i paesaggi dei nostri territori, bisogna farlo piano piano.

Per la velocità c'è la pista ma Maria non vuole sollecitare il delicato equilibrio di conservazione.

Pochi interventi, la macchina dimostra con fierezza i suoi anni, conservata e curata proprio come una bella donna non giovanissima ma sempre dotata di tanto fascino.

Anche lei ha voluto un bel quadro per ammirare la sua macchina dal divano di casa.


Home Page | storia del club | calendari | photogallery | Storia e Restauri | contatti | sezione "LA RIDOTTA" | area riservata | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu